Parole, Musica, Emozioni: Buona la prima

//Parole, Musica, Emozioni: Buona la prima

Parole, Musica, Emozioni: Buona la prima

Si conclude la prima edizione della rassegna dedicata agli autori, due appuntamenti organizzati per la stagione 2019.

Buona la prima, ovvero un bel successo la rassegna Parole, Musica, Emozioni, dedicata agli autori.

In uno scenario suggestivo, come quello di una spiaggia lontana dal frastuono cittadino, Spot 1 si trasforma in un piccolo teatro sul mare, dove il rumore delle onde lascia spazio alle parole.

Il primo appuntamento è stato dedicato alla poesia di Laura Bertolini accompagnata da Tiziano Arrigoni, con il suo “Sospesa tra due mondi”.

I suoi versi arrivano al cuore, emozionano, e aprono la mente ai ricordi di un tempo che fu, e fanno della distanza dalla propria terra, la musa ispiratrice.

Nella sua silloge coesistono due mondi: da una parte la costa toscana dove è nata e cresciuta, dall’altra la California dove l’autrice è emigrata. I mondi si avvicinano e si allontanano, si assomigliano e differiscono uno dall’altro, si incontrano attraverso vecchie memorie e nuove scoperte. Il linguaggio si arricchisce per effetto della contaminazione culturale, da cui traspare un senso di appartenenza contrapposto a un senso di solitudine proprio di chi arriva da un altrove e sperimenta su di sé essere l’altro.

Il secondo ospite della rassegna, è stato Francesco Bottai co-fondatore dei Gatti Mézzi, che ha presentato il suo primo libro “Assolo”. Nota iniziale, più preludio e nota finale incorniciano il percorso creativo dell’artista pisano che offre un punto di vista periferico, rovesciato, da cui osservare il mondo: mare alle spalle, sguardo rivolto verso la terra.

Uno sguardo ironico, malinconico, leggero e profondo, che strappa sorrisi, lacrime; che graffia e accarezza.

Come la musica: incanta. Da leggere, ascoltare e, perché no, cantare, “col cuore liquido”.

E come scrive Athos Bigongiali, «…i suoi testi ci comunicano storie universali, proprie dell’eterna commedia umana, di una ironia sottile e di un senso del comico travolgente.

A questi tratti Francesco unisce quelli che gli derivano dai suoi affetti privati, a cui si devono i versi più struggenti, così come dal suo bagaglio culturale, dove si avverte, tra le altre, la lezione felliniana del ricordarsi di sé attraverso l’inconscio e le suggestioni del sogno.»  

Ad accompagnare il cantautore nella serata è stato Fabrizio Bartelloni.

Una bella soddisfazione quella di riuscire a portare in spiaggia una piccola rassegna dedicata agli autori, creando tra loro e il pubblico un legame, una confidenza, che solo una location così può creare, tra il silenzio della notte e la luce timida delle stelle.

Appuntamento al prossimo anno con “Parole, Musica, Emozioni”.

Un ringraziamento a Mds Editore, e a Massimiliano Londi per le splendide foto.

 

2019-08-04T11:15:13+02:00

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti, per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso e, in taluni casi, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Utilizziamo sia cookies di prima parte che di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sui cookies cliccando su maggiori informazioni. Cliccando sul pulsante 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi